Esiste un collegamento tra le tante ore che passi al volante della tua auto e il mal di schiena che senti nella zona lombare?

Nelle nostre metropoli trafficate ci troviamo a passare sempre più opre seduti in macchina: per raggiungere il posto di lavoro, per accompagnare i figli a scuola, per andare a fare la spesa e addirittura per andare in palestra a tenerci in forma … anche se sembrerebbe una contraddizione! Ma ormai, si sà, centri commerciali e centri fitness si trovano piuttosto distanti dal centro città ed è difficile raggiungerli a piedi!

E poi c’è una categoria di persone che in automobile ci lavora. Che sia un taxi, un camion o un trattore, la posizione che assumiamo alla guida è più o meno sempre la stessa.

E’ possibile che semplicemente guidando possiamo procurarci il mal di schiena? In fondo non sembrerebbe uno sforzo così intenso…

guidare

Cosa succede alla tua schiena quando passi tante ore in auto?

Quando passi tante ore in auto, rimani pressochè immobile in una posizione che prevede la flessione dell’anca sul bacino, perchè gambe e busto sono chiusi uno sull’altro, a differenza di quando stiamo in piedi.

In questa posizione alcuni muscoli si trovano in una posizione di accorciamento. Più teniamo la posizione, quindi più ore passiamo in auto, e più questi perdono la capacità di ritornare alla loro lunghezza originale, cominciando a esercitare trazioni eccessive che generano il mal di schiena. Fanno come farebbe un maglione di cachemire messo in lavatrice: infeltrisce, diventa più piccolo, meno elastico e impedisce un movimento libero.

Uno di questi muscoli è lo psoas, che collega il femore alle vertebre lombari. E’ uno dei muscoli più importanti per l’equilibrio posturale del bacino.

muscolo psoas

Quando questo muscolo si infeltrisce come il maglione, tirerà sulle ossa dove si inserisce tramite i suoi tendini e le sposterà.

  • Se fa punto fisso sul femore, tirerà in avanti le vertebre lombari, aumentando la lordosi;
  • Se fa punto fisso sulle vertebre lombari, tirerà il femore in avanti, portando a una retroversione del bacino e riducendo la lordosi.

In entrambi i casi viene alterata una curva importante per la salute della nostra colonna vertebrale ed è questo che scatena il dolore.

Ecco perché usare tanto l’auto ti ha fatto venire mal di schiena!

Se vuoi capire perché le curve della colonna sono importanti per il benessere della nostra schiena, puoi leggere anche questo articolo.

Cosa fare, quindi, per evitare il tutto questo?

Innanzitutto, soprattutto se viaggi a lungo per motivi di lavoro, devi prendere l’abitudine di fare delle pause durante il tragitto per sgranchire la schiena, fare due passi e stiracchiarti un pò. Pausa in Autogrill per caffè e stretching potrebbe essere un bella soluzione!

Al termine della giornata, quando sei a casa e hai spazio per stendere a terra un bel tappetino, dedicati 5-10 minuti ad esercizi di allungamento specifico per i muscoli che più patiscono per la posizione assunta in auto:

  • Stretching specifico per lo psoas: in ginocchio, fai una retroversione del bacino, allunga bene la colonna verso l’alto e spingi leggermente il bacino in avanti, mantenendo la posizione del bacino.
Stretching Psoas
  • Stretching globale per l’intera catena posteriore: osso sacro ben appoggiato a terra, colonna in allungamento, con il mento che scende leggermente verso il petto, gambe distese e piedi a martello. Mantieni la posizione per alcuni minuti, respirando con il diaframma.
Prima Squadra Mezieres
  • Se invece preferisci fare un lavoro più dinamico, puoi provare questa sequenza, che comprende esercizi per adduttori, psoas e femorali.

Se invece questi piccoli rimedi non ti bastano e vuoi cominciare un programma più specifico e approfondito per rimettere in sesto la tua schiena, contatta WellGym: le nostre personal trainer sapranno creare per te un programma di allenamento con la giusta combinazione di stretching e potenziamento!

Personal Trainer WellGym
Tag:, ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.