Una cura soft, senza farmaci, adatta anche in fase acuta

Chi di noi non ha sperimentato almeno una volta il torcicollo? Quella brutta sensazione di collo rigido e dolore ad ogni minimo movimento. A volte, una brutta infiammazione cervicale che non sai come curare puo’ degenerare in mal di testa o vertigini.

dolori cervicali

C’è qualcosa che puoi fare senza aumentare il fastidio che già senti?

Chi ci segue già da un po’ sa che non siamo favorevoli all’uso di anti-infiammatori quando non prescritti dal medico. Quindi, anche questa volta, quello che ti proponiamo è un semplice esercizio per curare la cervicale tramite il movimento.

Curare la cervicale partendo dall’osso sacro

Grazie alle ultime scoperte scientifiche in campo neurologico, si è sviluppata una nuova teoria di movimento chiamata “opposite joint/opposite movement”. Parte dal presupposto che la parte destra del cervello controlla la metà sinistra del corpo e viceversa. Al lato pratico significa che si possono influenzare varie parti del corpo lavorando all’estremità opposta.

Quindi, per curare la cervicale, si può massaggiare la zona sacrale e la spessa fascia che la riveste, determinando una riduzione del dolore e un aumento della mobilità.

Cosa ti serve per stare meglio?

Semplicemente un pallina da massaggio. Ne esistono di vari tipi e misure ed hanno veramente svariati utilizzi. Considerala un buon investimento che ti tornerà utile in più occasioni per prenderti cura di te, al di là di questo utilizzo specifico per la cervicale. Cercane una morbida, che si lasci schiacciare un po’.

Partiamo!

Posiziona la pallina al centro dell’osso sacro e distenditi a pancia in su, con le gambe piegate. Cerca una posizione confortevole e lascia che tutto il peso del bacino si scarichi sulla pallina. Se necessario metti un cuscino sotto la testa, in modo da rilassare il collo.

Pallina sotto il sacro

Comincia a fare dei piccoli movimenti di antero e retroversione del bacino. Un po’ alla volta puoi anche renderli più ampi. Poi passa ad un movimento laterale, inclinando il bacino a destra e sinistra: un gluteo sale verso il cielo e l’altro scende verso il pavimento. Concludi con alcune circonduzioni in senso orario e antiorario.

Adesso togli la pallina e ascolta come è diventato comodo l’appoggio del bacino a terra: la fascia sacrale si è detesa e questo ha mandato un messaggio di rilassamento alle terminazioni nervose e quindi anche all’estremità opposta al sacro: la zona cervicale.

Ora che i muscoli sono rilassati, allunga leggermente il collo, spostando il mento in basso, e allontana le spalle dalle orecchie. Rimani in paio di minuti in questa posizione, facendo alcuni respiri profondi, cercando di muovere solo il diaframma, lasciando le spalle ferme.

Come ti senti?

Come hai visto non serve molto per prenderci cura della nostra cervicale! Puoi ripetere questo esercizio tutti i giorni, per pochi minuti, e vedrai che la condizione del tuo collo migliorerà sensibilmente. Puoi utilizzarlo ogni volta che ne senti il bisogno: non ha effetti collaterali!

Una volta che la tua cervicale starà meglio, potrai anche provare a massaggiarla direttamente con i consigli che trovi in questo articolo di qualche anno fa: “liberati dai dolori cervicali senza farmaci“.

Se invece questi piccoli rimedi non ti bastano e vuoi cominciare un programma più specifico e approfondito per rimettere in sesto la tua cervicale, contatta WellGym: le nostre personal trainers sapranno creare per te un programma di allenamento con la giusta combinazione di stretching e stabilizzazione!

Personal Trainer WellGym
Tag:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.